Cerca nel Sito :
   
Num 1523 del
17/03/2015
Homeee
Contat
Utenti
Online 971
Sommario
Interrogazioni Parlamentari
Newsletter

Scrivi qui la tua e-mail! Riceverai ogni settimana il meglio delle interrogazioni parlamentari e l'agenda degli appuntamenti politici

In Collaborazione Con

 

 

 

 

 

    Data pubblicazione: 18/06/2009     Codice Rif.: (4-01637)
ADHD: per gli adulti cure autogestite.
 
Del Sen. Donatella Poretti ed altri (Pd)

Al Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali - Premesso che:

secondo l'Istituto Superiore della sanità (Iss), l'1 per cento della popolazione italiana nella fascia d'età 6-18 anni è affetta da ADHD, ovvero sindrome da deficit di attenzione ed iperattività;

numerosi studi hanno rilevato che circa la metà dei bambini con ADHD continua ad essere affetto dalla sindrome da deficit attentivo con imperattività in età adulta, si vedano ad esempio: 1. Schweitzer, J.B., Cummins, T.K., Kant, C.A. Attention-deficit/hyperactivity disorder. MedClin North Am. 2001;85(3):10-11, 757-777. 2. Barkley, R.A. Attention deficit hyperactivity disorder: a handbook for diagnosis andtreatment (2nd ed.). 1998. 3. Biederman, J., Faraone, S.V., Spencer, T., Wilens, T., Norman, D., Lapey, K. A, et al. Patterns of psychiatric comorbidity, cognition, and psychosocial functioning in adults with ADHD. Am J Psychiatry. 1993:150:1792-1798. 4. American Psychiatric Association. Diagnostic and statistical manual of mental disorders,(4 th ed., text revision). Washington, DC. 2000:85-93;

le linee guida della Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (Sinpia) ribadiscono che il disturbo persiste spesso in età adulta: "Il disturbo spesso persiste in adolescenza ed in età adulta: in queste età, l'iperattività si manifesta come senso interiore di irrequietezza piuttosto che come grossolana iperattività motoria, l'inattenzione comporta difficoltà ad organizzare le proprie attività o a coordinare le proprie azioni con conseguenti difficoltà scolastiche, occupazionali e sociali, frequenti incidenti stradali, etc";

l'Organizzazione mondiale della sanità ha messo a punto un questionario (Scala di autovalutazione) per l'individuazione dell'ADHD negli adulti (http: //www.aifa.it/documenti/ASRV1.1.pdf). Il questionario è introdotto dal seguente paragrafo:

"Molti adulti stanno vivendo con il deficit d'attenzione ed il disturbo d'iperattività (ADHD da adulto) e non lo riconoscono. Perché? Perché i suoi sintomi spesso sono scambiati con quelli causati da una vita stressante. Se tu hai sentito questo tipo di frustrazione per gran parte della tua vita, puoi essere un adulto ADHD è una condizione che il tuo dottore può aiutarti a diagnosticare e trattare";

la terapia più efficace per il trattamento dell'ADHD è quella farmacologica. Come riporta l'Istituto superiore della sanità: "Gli psicostimolanti sono considerati la terapia più efficace per l'ADHD". Anche la Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza ribadisce nelle proprie linee guida che "gli psicostimolanti sono considerati a tutt'oggi la terapia più efficace per bambini, adolescenti ed adulti con ADHD";

i due farmaci commercializzati in Italia sono lo psicostimolante metilfenidato (Ritalin) e l'inibitore atomoxetina (Strattera). Per accedere alla terapia farmaceutica, l'Associazione italiana famiglie ADHD (Aifa) e l'Iss hanno predisposto un rigido protocollo di registrazione e monitoraggio dei due farmaci, istituendo il Registro italiano dell'ADHD. Ma nonostante l'enorme mole di dati scientifici sulla persistenza dell'ADHD negli adulti, il protocollo prevede la somministrazione della terapia farmacologica per la sola età pediatrica. Gli adulti affetti da ADHD, ove tale diagnosi avvenga in età avanzata, sono infatti impossibilitati ad accedere al protocollo e quindi ai medicinali necessari per il trattamento della sindrome.

Come riporta l'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori), i più facoltosi possono aggirare questo divieto. Una volta ottenuta una ricetta, possono acquistare i farmaci presso la Farmacia Vaticana al prezzo di circa 200 euro al mese. Nel territorio vaticano, infatti, non solo sono accettate le ricette mediche straniere, ma non vi sono quei vincoli che in Italia impediscono l'accesso al trattamento per gli adulti.

Molto più rischioso invece il comportamento a cui sono costretti coloro che non possono permettersi tale spesa. L'Aduc riporta come molti adulti con ADHD si scambino consigli sul web su come procurarsi farmaci alternativi, come quelli per il raffreddore contenenti lo stimolante pseudofedrina, da assumere in dosi massicce e pericolose. Oppure, ancor peggio, si rivolgono al mercato nero delle anfetamine o di altre sostanze illegali,

si chiede di sapere cosa intenda fare il Ministro in indirizzo per permettere agli adulti con ADHD di accedere alla terapia farmacologica, ritenuta la più efficace dalla comunità medico-scientifica internazionale, nonché dall'Organizzazone mondiale della Sanità, dall'Istituto superiore di Sanità e dalla Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'Adolescenza.

 


News
Curiosità
Link