Home Ondata di freddo e neve in Europa: temperature gelide in Scandinavia, Francia, Germania e Regno Unito

Ondata di freddo e neve in Europa: temperature gelide in Scandinavia, Francia, Germania e Regno Unito

Ondata di freddo e neve in Europa: temperature gelide in Scandinavia, Francia, Germania e Regno Unito - ilvaporetto.com

Inverno rigido in Europa: neve e freddo colpiscono diversi Paesi

Mentre l’Italia si prepara ad affrontare un’ondata di freddo e neve nel fine settimana, buona parte dell’Europa è alle prese con temperature gelide e abbondanti nevicate. La Scandinavia ha registrato temperature estreme, con picchi di -30°C e oltre. In Norvegia, la stazione meteo di Suolovuopmi Lulit ha segnato una minima di -33°C, mentre l’aeroporto di Oslo ha toccato -22°C. In Svezia, si sono registrati picchi di -36°C a Gielas e -22°C all’aeroporto di Stoccolma Västerås. In Finlandia, sono stati registrati -37°C a Rovaniemi, in Lapponia, e -8°C nella capitale Helsinki.

Anche in Lettonia si sono registrati picchi di -13°C e -11°C all’aeroporto della capitale Riga; in Lituania, -12°C, con -8°C a Vilnius; in Estonia, -8°C, con -5°C nella capitale Tallin.

In Francia, il Nord del Paese sta sperimentando un’intensa ondata di freddo, con la città di Arras, nel Dipartimento del Passo di Calais, che ha segnato una temperatura di -14,7°C, stabilendo così un nuovo record assoluto da 40 anni a questa parte, superando il primato del 1987.

Météo France: “Gelate generalizzate sui due terzi del Paese”

Il bollettino quotidiano di Météo France riporta di “gelate generalizzate sui due terzi del Paese, con temperature negative in decine di comuni e un importante contrasto tra Nord e Sud”. Nei dipartimenti del Nord e del Passo di Calais è stato dichiarato lo stato di vigilanza giallo per freddo. A Lille, dove si sono registrati -7°C, il trasporto pubblico è fortemente compromesso. Altre regioni, come la Charente Maritime, con -10,8°C a Forges, e l’Oise, con -12,5°C a Rouvroy-les-Merles, non sono da meno. Nei territori in cui ha nevicato nei giorni scorsi, le temperature rimangono molto basse al mattino (tra -6°C e -8°C), mentre la media nazionale si attesta tra -2°C e -5°C, ben lontana dai +11°C registrati sulla Costa Azzurra. Parigi ha raggiunto una minima di -6°C oggi.

Secondo gli esperti di Météo France, il freddo e il “fortissimo gelo” osservati sono legati “alla discesa dell’aria polare sulla Francia“, alla “perturbazione giunta dall’Atlantico carica di umidità” e alla “presenza di neve al suolo e alla forte radiazione legata al cielo notturno sereno”. La perturbazione che ha portato neve diffusa sulla Francia è uscita dal Paese ieri in serata, dopo aver attraversato il Centro e l’Est. Ora il rischio maggiore è quello del ghiaccio per le basse temperature, che rende le strade pericolose laddove ha nevicato o piovuto. Nel contempo, da oggi, alcune regioni finora risparmiate dal freddo intenso, in particolare il Sud-Ovest, vedranno le temperature abbassarsi drasticamente.

Temperature gelide in Germania, Belgio e Regno Unito

In Germania, le temperature minime sono scese fino a -18°C ai quasi 3000 metri dello Zugspitze, la montagna più elevata del Paese, ma spiccano soprattutto i -16°C registrati a Fritzla, località dell’Assia a 220 metri s.l.m.. Anche in Belgio, le temperature potrebbero scendere fino a -20°C in alcune parti del Paese la prossima notte, dopo le forti nevicate dei giorni scorsi. Oggi le minime segnano picchi di -11°C, come ad Havinnes, e -10°C a Scherpenheuvel-Zichem; segnaliamo anche -4°C all’aeroporto di Bruxelles e -3°C a Charleroi. In Polonia, si sono registrati picchi di -14°C, con -5°C nella capitale Varsavia.

Nel Regno Unito, le temperature sono scese fino a -9°C, come a Bournemouth, -8°C a Farnborough, Benson, l’aeroporto di Exeter, Northol, con -5°C a Londra (aeroporto di Stansted) e punte di -8°C nelle campagne circostanti.