Home Arianna David: Miss Italia 1993, lotta contro l’anoressia

Arianna David: Miss Italia 1993, lotta contro l’anoressia

Arianna David: Miss Italia 1993, lotta contro l'anoressia - ilvaporetto.com

Arianna David: la sua battaglia contro l’anoressia

La celebre conduttrice televisiva, attrice ed ex modella Arianna David ha recentemente rivelato di aver affrontato un periodo di anoressia all’età di 21 anni. In un’intervista al Corriere della Sera, ha confessato: “Avevo l’incubo di diventare grassa. Già mi prendevano in giro per il mio accento romano, non avrei sopportato di essere derisa anche per il mio peso.”

Durante l’intervista, Arianna David ha raccontato di aver iniziato a rendersi conto che qualcosa non andava nel suo corpo e nella sua mente quando ha raggiunto il peso di 39 chili e ha smesso di avere il ciclo mestruale per un anno. Ha dichiarato: “Lì mi sono messa paura. Ma prima non era così. Mi sentivo forte. Sentivo che potevo decidere su e di me stessa, potevo scegliere se vivere o morire.”

La lotta continua

Quando le è stato chiesto se è riuscita a superare completamente l’anoressia, Arianna David ha risposto: “Non se ne esce mai veramente. Io mi sono ripresa e ci sono ricaduta più volte, anche dopo le gravidanze. Sono fatta di cristallo e a seconda degli stati d’animo mi rompo e ci ricasco. E poi quando ti guardi allo specchio non ti piaci mai, ma non è una percezione reale. E sono trenta anni che me la porto dentro.”

Nell’intervista, Arianna David ha descritto la sua lunga e continua lotta contro l’anoressia, sottolineando come questa malattia abbia avuto un impatto duraturo sulla sua vita. Le sue parole hanno evidenziato la complessità e la persistenza di tale disturbo alimentare, anche dopo aver superato momenti critici.

Conclusione

La testimonianza di Arianna David offre uno sguardo toccante e sincero sulla sua esperienza con l’anoressia, sottolineando la sfida continua che molte persone affrontano nel combattere disturbi alimentari. La sua storia è un promemoria della forza e della resilienza necessarie per superare tali difficoltà, nonché dell’importanza di sensibilizzare e sostenere coloro che si trovano in situazioni simili.