Home Bancomat, scordati di fare questa operazione da oggi: scattano subito i controlli

Bancomat, scordati di fare questa operazione da oggi: scattano subito i controlli

prelievo e versamento bancomat conto corrente

'Movimenti sospetti' nel 2024: i controlli del fisco - avvisatore.it

Alcuni movimenti sul proprio conto, sebbene possano apparire come innocui, sono estremamente soggetti ai controlli da parte del fisco.

Siamo giunti alla fine di questi primi mesi del 2024, ma è innegabile come il nuovo anno abbia portato con sé molte domande riguardanti prelievi, pagamenti e i limiti di contante, sollevando preoccupazioni su possibili sanzioni e intoppi fiscali. Tuttavia, una buona notizia pare esserci: per il 2024 il limite di contante rimane invariato, fissato a 5.000 euro. Questo dettaglio, seppur apparentemente piccolo, ha un impatto significativo, considerando le implicazioni fiscali del caso.

Ebbene sì, il limite di utilizzo del contante resta dunque invariato nel 2024, mantenendo la cifra di 5.000 euro, un importo al di sopra del quale possono scattare sanzioni fiscali sia per chi effettua il pagamento che per chi lo riceve. Partiamo dal fatto che superare il limite dei contanti può portare a gravi conseguenze con il fisco, sia per il pagatore che per il ricevente. L’applicazione delle regole prevede multe fino a 50.000 euro, eliminando così qualsiasi ottimismo per il 2024. Mentre il limite può sembrare sufficientemente alto, è essenziale considerare anche i silenziosi limiti delle banche stesse per i pagamenti e i prelievi che, se fatti passare sottogamba, possono rappresentare un’arma a doppio taglio.

Prelievi e versamenti sul bancomat: quando potrebbero scattare i controlli nel 2024

Controlli fiscali Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate: quando arriva la comunicazione di movimenti sospetti sul conto – avvisatore.it

La legge, come sempre, rimane alquanto ambigua su tutto ciò che concerne la libertà di movimento e i reali problemi in cui ci si può imbattere. Contrariamente ai prelievi in contanti, non esiste un limite prestabilito per i prelievi bancari privati, se non quello giornaliero di circa 1.000/2.000 euro giornalieri. Tuttavia, le banche possono segnalare movimenti sospetti, specialmente se il rappresentante di un’azienda effettua prelievi superiori a 1.000 euro o oltre 5.000 euro al mese. In questi casi, potrebbe scattare una “presunta evasione” che porterebbe, di conseguenza, a controlli fiscali. Le banche, infatti, comunicano i rapporti e i movimenti bancari all’Agenzia delle Entrate. Questo aiuta i funzionari a verificare la regolarità delle dichiarazioni dei redditi, nonché altri molteplici ruoli correlati all’evasione fiscale.

Tornando al discorso del limite al contante e i movimenti bancari, vi sono diversi paradossi del caso. Secondo il Ministero dell’Economia, il limite di contante si applica principalmente ai trasferimenti tra soggetti diversi. Questo significa che il limite di 5.000 euro è fondamentalmente per transazioni che coinvolgono due parti distinte. Ad esempio, se un lavoratore riceve un compenso superiore a 5.000 euro in contanti, non può versarlo sul proprio conto corrente senza attirare l’attenzione del fisco. Per i pagamenti a terzi, è fondamentale rispettare il limite di 5.000 euro, con la possibilità di coprire l’importo eccedente con mezzi di pagamento tracciabili.

Bisogna, dunque, porre una maggiore attenzione su questo tipo di movimenti apparentemente inosservati, ma che potrebbero portare a problemi di natura fiscale.