Home Belén Rodriguez difende Chiara Ferragni: “Basta violenza verbale, torniamo ad abbracciarci”

Belén Rodriguez difende Chiara Ferragni: “Basta violenza verbale, torniamo ad abbracciarci”

Belén Rodriguez difende Chiara Ferragni: "Basta violenza verbale, torniamo ad abbracciarci" - Avvisatore.it

Nel pieno del dibattito sul cosiddetto “pandoro gate”, Belén Rodriguez decide di esprimere la propria opinione, schierandosi in difesa di Chiara Ferragni. La celebre conduttrice ha pubblicato su Instagram una lunga story in cui ha condiviso pensieri e riflessioni sulle recenti vicende che hanno coinvolto la famosa imprenditrice.

La presa di posizione di Belén Rodriguez

Nella sua story, Belén ha esordito raccontando di aver avuto pensieri impuri e rabbia a seguito di alcuni avvenimenti, ma ha sottolineato l’importanza di superare la rabbia, giungendo alla calma interiore. Successivamente, ha rivelato di aver provato solidarietà nel leggere quanto accaduto a Chiara Ferragni, nonostante non abbiano mai avuto un rapporto particolarmente stretto.

Belén Rodriguez ha quindi bollato come eccessive e ingiuste le prese di posizione contro Chiara Ferragni, sottolineando che al di là della considerazione professionale, vi è un’umanità da non trascurare. Ha esortato a lasciare in pace la Ferragni, affermando che, nonostante possa aver commesso degli errori, merita serenità e rispetto per tutto il lavoro positivo che ha svolto.

Appello alla positività e al sostegno reciproco

Nel concludere il suo messaggio, Belén ha invitato i suoi follower a porre fine alla violenza verbale e a tornare a dimostrare affetto reciproco. Ha sottolineato che tutti possono sbagliare, ma l’importante è riconoscere l’errore, correggersi e ritornare più forti di prima. L’artista ha anche lanciato un hashtag, #forzachiara, per manifestare il proprio sostegno nei confronti di Chiara Ferragni.

Conflitti mediatici o solidarietà umana?

Di fronte alle recenti vicende che coinvolgono personaggi pubblici, è davvero necessario alimentare conflitti mediatici, o sarebbe meglio abbracciare un approccio di solidarietà umana?