Home La Storia di “Quando Hitler rubò il Coniglio Rosa” e il Giorno della Memoria

La Storia di “Quando Hitler rubò il Coniglio Rosa” e il Giorno della Memoria

La Storia di "Quando Hitler rubò il Coniglio Rosa" e il Giorno della Memoria - ilvaporetto.com

Il film “Quando Hitler rubò il coniglio rosa”, diretto dalla regista tedesca premio Oscar Caroline Link, sarà trasmesso in prima visione su Rai1 in occasione del Giorno della Memoria. La pellicola racconta la storia di una famiglia costretta a lasciare la Germania a causa della persecuzione razziale durante la Seconda Guerra Mondiale, tratta da un romanzo autobiografico di Judith Kerr.

Trama e Contesto Storico

Il film segue le vicende della famiglia Kemper, costretta a fuggire dalla Germania per sfuggire alla persecuzione razziale durante la Seconda Guerra Mondiale. La storia è narrata attraverso gli occhi di Anna, una bambina di nove anni costretta a lasciarsi dietro il suo amato coniglietto rosa. Dalla Germania alla Svizzera, la famiglia si scontra con l’ostilità e l’intolleranza diffusa in quegli anni, offrendo una toccante testimonianza sulla Shoah vista dagli occhi di una bambina. Il film, quindi, si pone come una riflessione non solo sulla persecuzione ebraica in Germania e Italia, ma anche sulla diffusione del sentimento antisemita in quegli anni, anche al di fuori dei confini nazionali.

Riflessioni sul Film e la Memoria

La trasmissione di “Quando Hitler rubò il coniglio rosa” in concomitanza con il Giorno della Memoria offre uno spunto importante di riflessione sulla tragedia dell’Olocausto e sulle sue implicazioni storiche e umane. Questa storia, raccontata attraverso gli occhi di una bambina, ci ricorda l’importanza di mantenere viva la memoria di eventi così dolorosi, per onorare le vittime e per imparare dagli errori del passato. Guardare questo film in questa occasione può spingere ognuno di noi a riflettere sul significato della memoria collettiva e sulle responsabilità individuali nel preservare la storia per le generazioni future.