Home Maria De Filippi: parla dell’attentato avvenuto nel maggio 1993

Maria De Filippi: parla dell’attentato avvenuto nel maggio 1993

Maria De Filippi, celebre conduttrice televisiva, ha condiviso in un’intervista emozionante con Massimo Giletti durante la trasmissione “La TV fa 70” su Rai1, un momento cruciale della sua vita legato a un evento drammatico. Rivela per la prima volta come ha affrontato le conseguenze dell’attentato mafioso di via Fauro avvenuto il 14 maggio 1993, un evento che ha segnato profondamente la sua esistenza e quella di Maurizio Costanzo.

La notte che cambiò tutto: il racconto di un sopravvissuto

Il 14 maggio 1993 rappresenta una data indelebile nella memoria di Maria De Filippi. Una Fiat Uno carica di tritolo esplode vicino al Teatro Parioli, mirando a colpire Maurizio Costanzo. La De Filippi descrive la sua reazione all’attentato, un misto di paura e determinazione, che la portò a blindare la sua abitazione per sentirsi più sicura. La sua lotta contro l’insonnia post-traumatica, vinta grazie all’ipnosi, sottolinea la sua forza nel superare il terrore.

Un legame indissolubile: Maurizio Costanzo e Maria de Filippi

Durante l’intervista, emerge il profondo legame tra Maria De Filippi e Maurizio Costanzo. Nonostante le difficoltà e la paura, il loro rapporto si è rafforzato, con Costanzo che diventa un pilastro di supporto per Maria. La loro unione, forgiata nel supporto reciproco, riflette una complicità che va oltre il professionale, rivelando una connessione umana e emotiva profonda.

Una vita tra carriera e personalità: il viaggio di maria

Maria De Filippi, figura di spicco della televisione italiana, condivide il suo percorso professionale e personale, dall’inizio della sua carriera a Roma fino alla consacrazione come regina del piccolo schermo. La sua narrazione offre uno sguardo intimo sulle sue scelte di vita, sulle opportunità di carriera e sulla sua filosofia personale, rivelando una donna che, nonostante il successo, rimane profondamente ancorata ai valori di umiltà e resilienza.

Il futuro televisivo e l’eredità di un’icona

L’intervista si conclude con una riflessione sul futuro e sull’eredità televisiva, con Maria De Filippi che esprime il suo dissenso sull’essere considerata “erede” di Maurizio Costanzo. La sua risposta evidenzia il suo rispetto per la vita e il desiderio di mantenere la propria identità, distanziandosi da un termine che evoca la perdita.