Home News Apple abbandona Touch ID: nuove prospettive emergono per la sicurezza biometrica

Apple abbandona Touch ID: nuove prospettive emergono per la sicurezza biometrica

Apple dice addio a Touch ID: il sensore di impronte digitali introdotto nel 2013 con l’iPhone 5s è stato ufficialmente abbandonato. La decisione dell’azienda di Cupertino sembra essere stata influenzata da diversi fattori, tra cui la maggiore sicurezza e comodità offerte da Face ID, il sistema di riconoscimento facciale.

Fin dai primi giorni dello sviluppo della protezione biometrica per gli smartphone, Apple ha fatto del suo sensore di impronte digitali Touch ID un elemento distintivo, integrandolo nel pulsante Home di iPhone e iPad. Tuttavia, con l’introduzione di Face ID, il sensore di impronte digitali è diventato un indicatore del livello di budget del modello, come ad esempio l’iPhone SE.

Recentemente, sono emerse nuove informazioni su Weibo, il social cinese, che suggeriscono che Apple abbia definitivamente abbandonato Touch ID. Una fonte cinese ha riferito che l’azienda ha smantellato le linee di produzione dei sensori Touch ID e non ha intenzione di reintrodurli nelle future generazioni di iPhone. Questa decisione segna la fine di un’era, poiché Touch ID è stato un’innovazione fondamentale nel mondo degli smartphone e un elemento distintivo di iPhone e iPad per molti anni.

La scelta di Apple di abbandonare Touch ID sembra essere stata guidata da diversi fattori. In primo luogo, Face ID è considerato più sicuro rispetto a Touch ID. Utilizzando il riconoscimento 3D del volto, Face ID è più difficile da ingannare rispetto al semplice riconoscimento 2D delle impronte digitali di Touch ID. In secondo luogo, Face ID è considerato più comodo in determinate situazioni. È possibile sbloccare il telefono, effettuare pagamenti e accedere ad app e servizi senza dover toccare il dispositivo, il che risulta particolarmente utile quando si indossano guanti o si ha il viso sporco o bagnato.

Non è escluso che Apple possa reintrodurre Touch ID in futuro, ma in una forma completamente diversa. Se ciò accadesse, si tratterebbe di un sensore posto sotto lo schermo, una tecnologia ancora in fase di sviluppo. I sensori sotto lo schermo potrebbero offrire vantaggi significativi rispetto ai sensori tradizionali, come dimensioni più ridotte e una maggiore sottigliezza, consentendo così ai produttori di smartphone di creare dispositivi più compatti.

È possibile che Apple stia aspettando che la tecnologia dei sensori sotto lo schermo raggiunga una maturità maggiore prima di reintrodurre Touch ID sugli iPhone. In questo modo, l’azienda potrebbe offrire agli utenti un’esperienza Touch ID più moderna e affidabile, simile a quella offerta da Samsung.