Home Chiara Ferragni: truffa con la bambola Trudi?

Chiara Ferragni: truffa con la bambola Trudi?

Chiara Ferragni: truffa con la bambola Trudi? - ilvaporetto.com

Nuove polemiche per Chiara Ferragni?

Dopo l’indagine sul caso Pandoro di Chiara Ferragni, sembra che ci sia un’altra questione che potrebbe coinvolgere l’imprenditrice. La procura ha aperto un’indagine sulla bambola Trudi, un’iniziativa benefica annunciata da Ferragni nel 2019. La bambola, realizzata in edizione limitata a sua immagine e somiglianza, avrebbe dovuto devolvere i ricavati all’associazione no profit americana “Stomp Out Bullying”.

Accuse di truffa aggravata?

La procura sta indagando su questa iniziativa benefica, mettendo sotto la lente d’ingrandimento anche altre attività filantropiche dell’influencer. Secondo quanto dichiarato da Tbs Crew, società controllata da Chiara Ferragni, i ricavati delle vendite della bambola sono stati effettivamente devoluti all’associazione “Stomp Out Bullying” nel luglio 2019. Tuttavia, sembra che il nome di Ferragni non compaia nel report annuale del 2019, né tra i partner né come sponsor.

La replica dell’associazione

La trasmissione Zona Bianca ha cercato di fare chiarezza contattando Ross Ellis, CEO e fondatrice di “Stomp Out Bullying”. Tuttavia, Ellis ha dichiarato di non conoscere Chiara Ferragni e di non aver mai ricevuto alcuna donazione da parte sua. Questo nuovo sviluppo potrebbe portare a ulteriori complicazioni per l’imprenditrice, già coinvolta in un’altra controversia legale. Un nuovo capitolo si apre dunque per Chiara Ferragni, e non si sa ancora come si concluderà questa vicenda. Un’ombra si allunga sulle attività benefiche dell’influencer, e la situazione potrebbe evolvere in modi imprevedibili.