Home Ciclone Belal: 4 morti a La Réunion, uomo avvelenato da generatore

Ciclone Belal: 4 morti a La Réunion, uomo avvelenato da generatore

Ciclone Belal: 4 morti a La Réunion, uomo avvelenato da generatore - ilvaporetto.com

Ciclone Belal: Bilancio delle vittime a La Réunion

Il passaggio del ciclone Belal sull’isola francese La Réunion nell’Oceano Indiano ha causato la morte di 4 persone. Secondo le autorità locali, la quarta vittima è un uomo di circa 50 anni, che è deceduto a causa di avvelenamento da monossido di carbonio generato da un generatore nella sua abitazione a Saint-André, nel Nord dell’isola. Il generatore è stato attivato a causa di un’interruzione di corrente causata dalla tempesta. La sua compagna, anch’essa di circa 50 anni, è stata gravemente avvelenata e ricoverata in modo urgente, secondo fonti delle forze dell’ordine.

Le altre 3 vittime sono senzatetto che non hanno seguito le istruzioni di confinamento prima del passaggio del ciclone. Belal, inizialmente annunciato come particolarmente violento, ha colpito la parte Nord/Ovest dell’isola con piogge torrenziali e venti che hanno raggiunto i 200 km/h, causando danni significativi, sebbene inferiori alle preoccupazioni iniziali.

Danneggiamenti e Vittime

Il ciclone Belal ha causato danni significativi nell’isola di La Réunion, colpendo la parte Nord/Ovest con piogge torrenziali e venti che hanno raggiunto i 200 km/h. Le vittime includono un uomo di circa 50 anni, morto a causa di avvelenamento da monossido di carbonio generato da un generatore nella sua abitazione a Saint-André, nel Nord dell’isola, e tre senzatetto che non hanno seguito le istruzioni di confinamento prima del passaggio del ciclone.

Impatto del Ciclone Belal

Il ciclone Belal, inizialmente temuto come particolarmente violento, ha colpito La Réunion con piogge torrenziali e venti che hanno causato danni significativi, sebbene inferiori alle preoccupazioni iniziali. Le autorità locali hanno confermato che il bilancio provvisorio delle vittime è salito a 4, con danni materiali e umani che stanno richiedendo interventi urgenti e assistenza alle persone colpite.