Home Lifestyle Detenuto Filippo Turetta suscita invidia: privilegi ingiusti

Detenuto Filippo Turetta suscita invidia: privilegi ingiusti

Detenuto Filippo Turetta suscita invidia: privilegi ingiusti - avvisatore.it

Il trasferimento e l’arrivo in Italia

Sabato 25 novembre, Filippo Turetta è stato estradato dalla Germania e i giudici italiani si occuperanno del suo processo. Il 22enne ha accettato questa decisione e, con un’ora di anticipo, è atterrato all’aeroporto Marco Polo di Venezia. È stato trasferito nel penitenziario di Montorio, con le manette ai polsi e alle caviglie, sotto scorta.

Un ragazzo disorientato

L’immagine che emerge di Filippo Turetta, colpevole del femminicidio della sua ex fidanzata Giulia Cecchettin, è quella di un ragazzo disorientato ma consapevole della gravità del suo reato. Il giovane è entrato nel carcere di Montorio, consapevole di essere lì per uno dei peggiori crimini commessi.

Le ore cruciali per Turetta

Queste sono ore buie per la famiglia di Giulia, che deve affrontare la perdita della loro figlia e sorella. Ma sono anche ore cruciali per Filippo Turetta, poiché presto verranno prese decisioni importanti sul suo destino. Se gli verrà riconosciuta la premeditazione, la sua posizione processuale potrebbe aggravarsi e potrebbe essere condannato all’ergastolo, come previsto per martedì davanti al giudice.

Le prime notti in carcere

Le prime notti di Turetta in carcere sembrano essere trascorse tranquillamente, anche se è naturalmente sotto stretta sorveglianza da parte del personale penitenziario. La stampa nazionale continua a seguire da vicino il caso e la vicenda continua a suscitare grande interesse. Tuttavia, resta da vedere cosa succederà e quali saranno le reazioni dei detenuti nei confronti di Filippo Turetta. Maggiori dettagli saranno forniti nella prossima pagina.