Home Grammy 2024 tutto al femminile

Testate di tutto il mondo, incluso il NYTimes hanno parlato dei momenti più sorprendenti dei 66esimi Grammy annuali. Phoebe Bridgers e la sua band boygenius, si sono aggiudicati tre Grammy, con un altro riconoscimento per una collaborazione in una canzone di SZA. SZA, che si presentava alla serata con il maggior numero di nomination, è stata esclusa dai premi maggiori – come album dell’anno (andato a Taylor Swift con “Midnights“), registrazione dell’anno (Miley Cyrus con “Flowers“) e canzone dell’anno (Billie Eilish con “What Was I Made For?”) – ma ha comunque portato a casa tre trofei. Victoria Monét è stata nominata migliore nuova artista e Swift si è portata a casa un premio che ha infranto un record per la categoria del Grammy. Lo spettacolo è stato particolarmente festoso, lucido e riflessivo, con diverse performance straordinarie e discorsi accettazione genuini, catturando la musica pop com’è realmente – senza un centro e soggetta a cambiamenti in ogni istante.

La miglior performance debuttante ai Grammy: Joni Mitchell

A 80 anni, Joni Mitchell ha emozionato tutti con la sua storica ballata folk “Both Sides Now“, che canta dai suoi 23 anni, eppure ogni volta la interpreta come se ne cogliesse la saggezza infinita dei testi ogni volta come se fosse nuova. La sua esibizione ai Grammy – la sua prima sul palco della premiazione, il che ha senso dato quanto si sia sentita sottovalutata e trascurata dall’industria per la maggior parte della sua carriera – è stata al tempo stesso elegiaca e aggraziata, supportata da un arrangiamento jazz che le ha permesso di improvvisare sulla melodia familiare. Esibendo un tono risonante e un range impressionante che ha lavorato diligentemente per rafforzare dopo aver sofferto di un aneurisma nel 2015, l’esibizione di Mitchell è stata come una breve e magica apparizione da una divinità musicale.

Taylor Swift riconosciuta non solo per la sua musica

Non è un impresa da poco: Taylor Swift ha vinto tre volte l’album dell’anno, superando i Beatles, due volte in più di Adele e una in più di Stevie Wonder. È lei che ha vinto il premio più volte di chiunque altro. Il suo ultimo riconoscimento è per “Midnights” del 2022, una raccolta di brani sognanti e nebulosi su ossessioni notturne. Non è stato il suo album più accogliento al lancio e per questo molti credevano che sarebbero stati più probabili vincitori SZA o il gruppo indie Boygenius. Ma i Grammy non riguardano solo il merito musicale, e Swift è attualmente in una fase imperiale della sua carriera. Il suo tour “Eras” ha battuto record di incassi, rilanciato economie locali, provocato un’inchiesta del governo su Ticketmaster e persino attività sismiche. La cantante è stata anche nominata persona dell’anno da Time Magazine, mentre la sua relazione con Travis Kelce ha attratto nuovi sguardi sul football americano.

Non c’è da stupirsi che Taylor Swift sia ormai la regina della musica, degna erede di Madonna. Se i Grammy fosse un evento sportivo, tutti scommetterebbero su di lei. Ma siamo sicuri che non ci sia un giro di scommesse anche tra gli artisti della musica? In ogni caso, se l’argomento ti appassiona, puoi leggere tutte le recensioni dei siti scommesse non aams.

Ovazione in piedi per Joni Mitchell

La musica di Joni Mitchell è come un linguaggio a sé, crudo, magico, quasi dolorosamente bello. Negli ultimi dieci anni, la cantante ha quasi perso il linguaggio dopo un aneurisma cerebrale che ha messo a rischio la sua vita. Dopo un intensivo recupero, è tornata sul palco nel 2022 al Newport Folk Festival ed una registrazione di quel concerto le ha valso il Grammy per il miglior album folk domenica sera. Ha seguito con una performance di “Both Sides Now”, sostenuta dai musicisti Brandi Carlile e Jacob Collier. La sua voce sembrava inciampare all’inizio, ma mano a mano che la canzone procedeva, si è insediata in un tono vocale ricco e cupo.

Jay-Z fuori copione

Nella serata dei premi del 4 febbraio 2024, Jay-Z, il marito di Beyoncé, ha criticato apertamente il programma per la sua storia di trascurare gli artisti di colore, incluso sua moglie superstar. “Vogliamo che facciate meglio – o almeno che ci andiate vicino,” ha dichiarato Jay-Z. “Non voglio mettere in imbarazzo questa giovane donna, ma lei ha più Grammy di chiunque altro e non ha mai vinto l’Album dell’Anno. Dunque, anche secondo i vostri stessi criteri, questo non ha senso.” Jay-Z si aggiunge all’elenco di personaggi noti che hanno sollevato questa questione, tra cui Adele e, in passato, notoriamente Kanye West. Le menzioni del mancato riconoscimento di Beyoncé da parte di istituti come i Grammy e gli MTV Video Music Awards stanno diventando sempre più comuni, sia per quanto tale trascuratezza sia palese nei meriti, sia per ciò che simboleggia. Oltre a rappresentare un’offesa al suo innegabile talento, la mancata riconoscenza di Beyoncé e gli specifici premi che ha (e non ha) vinto, sono diventati simbolici dell’esclusione dell’arte nera da parte dell’industria musicale, spesso citati come esempi tra i più evidenti di questo problema.

Il ritorno a sorpresa di Celine Dion

Celine Dion ha stupito il pubblico quando è emersa per presentare il trofeo per il miglior album, quasi un anno dopo essere stata costretta a cancellare tutti i suoi spettacoli dal vivo per una rara malattia neurologica.

Il trionfo delle donne ai Grammy 2024

Le donne hanno lasciato il segno nella 66a edizione dei Grammy Awards, dimostrando il loro predominio in una serata storica. La cerimonia ha visto le donne trionfare, con sette delle otto nomination per l’Album dell’Anno attribuite ad artiste femminili e la maggioranza delle esibizioni affidate a icone come Joni Mitchell, Billie Eilish, SZA e Dua Lipa. Taylor Swift ha segnato un punto di svolta diventando la prima artista nella storia a vincere per la quarta volta l’Album dell’Anno. Inoltre, il gruppo boygenius ha ottenuto il loro primo Grammy, insieme a un dominio femminile nelle categorie Rock. Lainey Wilson, Joni Mitchell e Victoria Monét hanno ricevuto premi nel Paese, Folk e R&B, con quest’ultima che ha vinto anche come Miglior Nuovo Artista. Gaby Moreno, Karol G e Tyla si sono aggiudicate premi significativi durante l’evento. Eccetto il Produttore dell’Anno e il Cantautore dell’Anno, ogni categoria principale è stata vinta da un’artista femminile, culminando con la vittoria di Billie Eilish per la Canzone dell’Anno e il quarto storico trionfo di Taylor Swift per l’Album dell’Anno. Le donne hanno brillato in ogni momento della serata, promettendo un futuro luminoso e dominante nell’industria musical

La serata dei Grammy 2024 sarà ricordata non solo come un trionfo artistico, ma anche come un momento storico in cui le donne nel settore della musica hanno sfidato gli stereotipi e aperto la strada per un’era di uguaglianza e riconoscenza. Il loro talento e la loro determinazione hanno illuminato la scena, lasciando una traccia indelebile che ispirerà future generazioni di artiste. In futuro, potremo aspettarci che le eccellenze femminili continuino a fiorire e a ricevere il riconoscimento che meritano, segnando così l’avanzamento verso un settore più inclusivo e variegato.