Home L’Estetista Cinica: no al pandoro-gate, sì alle creme

L’Estetista Cinica: no al pandoro-gate, sì alle creme

L'Estetista Cinica: no al pandoro-gate, sì alle creme - ilvaporetto.com

Cristina Fogazzi, la “L’Estetista Cinica”, rifiuta di commentare il “pandoro-gate” e difende Chiara Ferragni

Nei giorni seguenti al “pandoro-gate” e all’indagine per truffa aggravata che coinvolge Chiara Ferragni, la famosa imprenditrice e influencer, un’altra figura nota nel mondo dei social media, Cristina Fogazzi, conosciuta come “L’Estetista Cinica”, ha deciso di non esprimere alcun commento in merito alla vicenda. In risposta alle pressanti richieste dei suoi follower di prendere una posizione pubblica sulla questione, Fogazzi ha dichiarato su Instagram: “È da un mese che mi viene chiesto cosa penso di Chiara Ferragni, ma perché dovrei sputare in faccia a una persona che conosco e con la quale sono amica? Non mi sembra il caso“. Inoltre, ha sottolineato di non essere titolata ad esprimere opinioni riguardo alla vicenda della ristoratrice di Lodi, affermando che nessuno le ha chiesto la sua opinione, e che ciò è giusto in quanto non è una figura autorizzata a esprimersi in merito.

Una critica al clima d’odio sui social

Cristina Fogazzi è nota per parlare principalmente di prodotti di bellezza e trattamenti su Instagram, tuttavia, in questa occasione ha deciso di fare un’eccezione per esprimere una riflessione critica sul clima di ostilità che si respira sui social network. Ha affermato: “È diventato Hunger games, cioè ci sono delle persone che vogliono la lotta fratricida, i capelli tirati. Qualcuno vuole la gente che si ammazza per portare a casa il proprio culo. Allora siccome vedo che tira una brutta aria, parlo male di te, così porto a casa consenso io. Ma c’è davvero qualcuno che vuole qualcosa di così orrendo?“. Fogazzi ha chiarito di non voler partecipare a questo violento “gioco” sui social, affermando: “Io Hunger games non lo faccio, non mi troverete mai in un’arena a tirare i capelli a una persona alla quale sono vicina per non farmi giudicare male. Per fortuna credo ancora che ognuno risponda per sé e che se le persone che ti sono vicine inciampano o gli succede qualcosa, allora glielo dici di persona, non davanti a un milione di follower. Che brutta questa cosa, che paura“. Ha inoltre ammesso di aver pensato di chiudere tutto a causa del clima ostile, ma ha deciso di rimanere attiva sui social perché, come ha affermato, “alla fine do da mangiare ad un po’ di persone”.

La decisione di non farsi coinvolgere nel “gioco” social

Cristina Fogazzi ha espresso la sua ferma intenzione di non lasciarsi coinvolgere in questo clima negativo sui social media. La sua decisione di non partecipare a questo “gioco” è stata chiara: “Io Hunger games non lo faccio, non mi troverete mai in un’arena a tirare i capelli a una persona alla quale sono vicina per non farmi giudicare male“. Ha anche rivelato di aver considerato di chiudere i suoi account social a causa di questa situazione, ma ha deciso di restare attiva per continuare a sostenere le persone che la seguono. La sua testimonianza riflette la crescente preoccupazione per il clima di ostilità e negatività che si sta diffondendo sui social network, e il suo rifiuto di parteciparvi rappresenta un forte messaggio contro questa tendenza.