Home FASK in tour: 10 anni di “Hỳbris” e “Alaska” in Europa

FASK in tour: 10 anni di “Hỳbris” e “Alaska” in Europa

FASK in tour: 10 anni di "Hỳbris" e "Alaska" in Europa - ilvaporetto.com

FASK: Tour Europeo per Celebrare i 10 Anni di “Hỳbris” e “Alaska”

La band Fast Animals and Slow Kids festeggerà un doppio anniversario con un tour europeo e l’uscita di edizioni speciali dei loro album “Hỳbris” e “Alaska”. Il disco “Hỳbris” è stato pubblicato il 20 marzo 2013, mentre “Alaska” è uscito nell’ottobre 2014. Entrambi gli album avranno edizioni celebrative in formato doppio vinile, ognuna contenente 4 provini. Le edizioni speciali saranno disponibili a partire dal 29 marzo e saranno distribuite da Virgin Records/Universal Music Italia.

Il Tour Europeo dei Fast Animals and Slow Kids

Durante il mese di aprile, i FASK intraprenderanno il “Fast Animals and Slow Kids European Tour – Performing and celebrating 10 years of Hỳbris and Alaska”, toccando diverse città europee. La band ha sottolineato che il tour avrà un legame particolarmente forte con il periodo del 2013/2014, anni in cui facevano tour in furgone, e in cui suonare in varie località lontane rappresentava la loro principale ragione di vita e forse l’unico modo per affrontarla a testa alta.

Il Legame dei Fast Animals and Slow Kids con la Musica

Riguardo al loro legame con la musica, i FASK hanno dichiarato: “‘Hỳbris’ e ‘Alaska’ sono frammenti di quella vita lì: provini registrati sussurrando a notte fonda ‘non c’è più speranza’ in un ostello di Brescia, la E45 in furgone stretti tra le custodie delle chitarre e qualche sacca sportiva piena di vestiti sgualciti, ore ed ore al banchetto del merchandising a cercare di capire se avessimo suonato bene, parlando con chiunque volesse parlarci a fine concerto.

Continuando, i membri della band hanno aggiunto: “Riascoltare i nostri stessi dischi è un po’ come sfogliare un album di vecchie fotografie molto dettagliate. È una fortuna unica, un privilegio dei musicisti e di poche altre forme d’arte, un concetto importante, sul quale non riflettiamo mai abbastanza: premere play e rivivere istanti di vita lontana che credevi persi nella memoria, provare le stesse emozioni che avevi provato cinque, sette, dieci anni fa, ancora nitide, ancora forti, ancora reali. Sfogliare un diario aperto a tutti ma in cui ognuno, tra le righe, può rileggere ciò che vuole.

Riproduzione riservata © 2024 – NM