Home Francesca Baroni critica Chiara Ferragni sul caso Balocco: “Influenza e beneficenza non bastano”

Francesca Baroni critica Chiara Ferragni sul caso Balocco: “Influenza e beneficenza non bastano”

Francesca Baroni critica Chiara Ferragni sul caso Balocco: "Influenza e beneficenza non bastano" - ilvaporetto.com

Francesca Baroni critica l’accanimento contro Chiara Ferragni

La giornalista economica Francesca Baroni ha espresso il suo parere sulla vicenda riguardante Chiara Ferragni, sottolineando un punto di vista diverso rispetto ad altre personalità pubbliche. Baroni, nota per il suo distacco dal mondo dello spettacolo, ha commentato l’attuale situazione, evidenziando un’opinione critica nei confronti degli influencer. In merito all’accanimento contro Ferragni, Baroni ha affermato:

“L’invidia sociale esiste, ma in questo caso credo che c’entri poco. La gente non è invidiosa di Chiara Ferragni, bensì SATURA. Satura di un sistema – quello degli influencer – che è mal regolamentato, che ci bombarda psicologicamente, che ci propone continuamente #adv e che ci offre vite non autentiche.”

Baroni ha sottolineato come la reazione negativa nei confronti della “regina degli influencer” sia dovuta, in parte, al crescente malcontento generale nei confronti del mondo degli influencer e alla presunta truffa legata al “Caso Balocco”. Ha inoltre espresso il suo auspicio affinché la situazione si risolva nel migliore dei modi per Chiara Ferragni.

Il parere di Francesca Baroni sulla beneficenza di Chiara Ferragni

Riguardo alla questione della beneficenza, Francesca Baroni ha espresso un giudizio critico, affermando:

“Non c’è stata alcuna donazione da parte di Ferragni, inizialmente. Balocco ha donato 50 mila euro all’Ospedale Regina Margherita ben prima del lancio del Pink Christmas: per Chiara era solo una “clausola a favore di immagine”, a lei non va alcun merito. Anzi, ha ingannevolmente associato i ricavi diretti della vendita dei pandori alla beneficenza (tradotto: l’acquisto del pandoro griffato Ferragni è una buona azione, più ne compri e più soldi verranno devoluti ai bambini malati). È molto grave…”

Baroni ha inoltre sottolineato come la recente donazione di 1 milione di euro da parte di Chiara Ferragni all’ospedale Regina Margherita non cancelli le precedenti critiche, affermando:

“Coi soldi si può comprare quasi tutto, ma non l’onestà. Dal punto di vista etico questa mossa è peggiorativa, perché ancora una volta si utilizza la beneficenza (e il denaro, molto denaro) per ottenere il perdono e acquisire consensi.”

Baroni ha concluso sottolineando la pericolosità di utilizzare la beneficenza come metro di misura sociale per valutare la bontà di un personaggio, evidenziando come tale meccanismo sia mediaticamente pericoloso.

In sintesi, le opinioni di Francesca Baroni hanno evidenziato un punto di vista critico nei confronti di Chiara Ferragni e del mondo degli influencer, sottolineando la necessità di una riflessione più approfondita sulle dinamiche legate alla beneficenza e alla percezione pubblica delle personalità di spicco.