Home Splash: l’app con intelligenza artificiale e Alexa che crea musica personalizzata

Splash: l’app con intelligenza artificiale e Alexa che crea musica personalizzata

Splash: l'app con intelligenza artificiale e Alexa che crea musica personalizzata - ilvaporetto.com

La startup Splash lancia un’app che utilizza l’intelligenza artificiale e Alexa per creare musica: un nuovo passo per la tecnologia

La giovane azienda nel settore della tecnologia musicale, Splash, ha recentemente presentato un’app che sfrutta l’intelligenza artificiale e Alexa – l’assistente virtuale di Amazon – per comporre brani musicali. Questa novità rappresenta un significativo passo avanti nell’incrocio tra tecnologia e creatività, suscitando l’entusiasmo di musicisti e appassionati di musica.

Alexa, come funziona l’app?

L’app di Splash impiega algoritmi di machine learning per analizzare diversi elementi musicali, quali melodia, ritmo e armonia. Questi dati vengono quindi utilizzati per generare nuove composizioni musicali. Inoltre, è possibile aggiungere voci umane, sia reali che generate tramite intelligenza artificiale. Successivamente, gli utenti riceveranno un link sul proprio dispositivo mobile per ascoltare il brano finito e condividerlo. L’app integra Alexa, consentendo agli utenti di interagire vocalmente con l’app e impartire istruzioni specifiche per la creazione musicale.

L’evoluzione della musica con l’AI

L’impiego dell’IA nella creazione musicale non è una novità. Quello che sorprende è che l’app di Splash, rispetto al passato in cui l’intelligenza artificiale veniva principalmente impiegata per analizzare e replicare stili musicali esistenti, consente una maggiore personalizzazione e interattività, offrendo agli utenti la possibilità di influenzare direttamente il processo di creazione musicale.

Di conseguenza, è prevedibile che questo tipo di innovazioni possano avere implicazioni dirette per il futuro della musica. Da un lato, potrebbe democratizzare il processo di creazione musicale, rendendolo accessibile a un pubblico più ampio. D’altro canto, potrebbe sollevare qualche dubbio sul ruolo dell’artista e sulla natura della sua creatività. Tuttavia, l’app di Splash è un eccellente esempio di come questa tecnologia possa essere utilizzata per spingere i confini della musica.

Riproduzione riservata © 2024 – NM