Home Intrattenimento Zucchero al cinema: uno speciale evento nelle sale

Zucchero al cinema: uno speciale evento nelle sale

Il 23-24-25 ottobre ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI arriva per la prima volta al cinema con il film documentario “ZUCCHERO – Sugar Fornaciari”. Il documentario, diretto da Valentina Zanella e Giangiacomo De Stefano, racconta la vita e la carriera dell’artista attraverso le sue parole e quelle di colleghi e amici come Bono, Sting, Brian May e molti altri. Il film offre uno sguardo intimo e profondo sulla figura di Zucchero, andando oltre il ritratto di un semplice musicista di successo.

Dettagli sulla produzione e distribuzione

“ZUCCHERO – Sugar Fornaciari” è una produzione K+, in collaborazione con Adler Entertainment e Ela Film, ed è distribuito da Adler Entertainment. Il documentario è stato realizzato in collaborazione con Zucchero & Fornaciari Music S.r.l. e la Regione Emilia-Romagna attraverso Emilia-Romagna Film Commission. RTL 102.5 è la radio ufficiale del film documentario.

Zucchero torna in concerto nel 2024

Dopo il successo del suo ultimo tour mondiale, Zucchero si prepara a tornare sul palco nel 2024 con il “Overdose D’Amore World Tour”. Il tour toccherà tre importanti stadi italiani: lo Stadio Dall’Ara di Bologna il 27 giugno, lo Stadio Franco Scoglio di Messina il 30 giugno e lo Stadio San Siro di Milano il 4 luglio. I biglietti per le date di Milano e Bologna sono disponibili su Ticketone.it e nei punti di vendita abituali, mentre quelli per la data di Messina su Ticketone.it, Ciaotickets e Box Office Sicilia e nei punti di vendita abituali.

La carriera di Zucchero

Zucchero, uno dei maggiori interpreti del rock blues in Italia, ha venduto oltre 60 milioni di dischi in tutto il mondo. Ha suonato in 5 continenti, 69 Stati e 650 città, collaborando con artisti internazionali del calibro di Bono, Sting, Eric Clapton e molti altri. Nel corso della sua carriera, ha partecipato a eventi di beneficenza, concerti storici e ha ricevuto numerosi riconoscimenti. La sua musica ha superato i confini nazionali, rendendolo uno dei più grandi artisti italiani di tutti i tempi.